Indignati: il corteo perfetto lo insegna un videogame

Facebook, Twitter, siti dedicati come Occupy Wall Street o Occupy the Web. Come c’era da aspettarsi, gli Indignati americani sono andati ben oltre le proteste della Primavera Araba. Quantomeno nell’uso massiccio delle tecnologie per l’organizzazione del movimento.

Mappe interattive che segnalano i raduni in tutto il mondo, cartelloni preparati da grafici professionisti pronti da scaricare, disegnati per avere il maggior impatto comunicativo possibile, spot in creative commons da diffondere con annessa colletta per pagarne il passaggio in tv (per avere un’idea di quanto l’uso delle nuove tecnologie sia ramificato potete leggere il bell’articolo di Roberto Catania su Panorama). E ora anche un “Occupy videogame” in preparazione, almeno secondo quanto riporta il Washington Post.

Una delle grafiche di Occupy Design (fonte: http://occupydesign.org/)

Non sarebbe la prima volta che un videogioco tenta di farsi portavoce di un movimento o,  quantomeno, di insegnare le regola base di una protesta civile. Ci ha provato il Centro Internazionale del Conflitti Nonviolenti, con People’s Power. Si tratta di un “simulatore di movimento popolare” che ripropone scenari del passato sfidando a sconfiggere tiranni, governi corrotti e occupazioni straniere senza spargimenti di sangue.

Ancora in attesa di finanziamento, invece, “Civ-D”, un progetto di gioco della ricercatrice di Palo Alto Jane McGonigal che mira a istruire i ragazzi su cosa indossare a un corteo, come isolare i violenti, come organizzare un servizio d’ordine e come mediare con le forze di polizia. Utilissimo anche questo – specie di questi tempi.

In attesa di sapere cosa bolle nella pentola degli Indignati di Wall Street (e c’è da scommettere che la creatività del movimento non deluderà le aspettative), a Joystick Ribelli piace pensare che l'”Occupy videogame” possa assomigliare un po’ alla rimpianta Mayday Netparade, creata da Molleindustria per permettere anche ai precari sotto ricatto di partecipare al corteo del Primo Maggio. Si iscrissero più di 17mila persone. Ed era solo il 2004.

Informazioni su rossarossana

Milano, 1988. Ho cinque anni. Quando me lo chiedono, rispondo che da grande farò la giornalista. Il piano B è quello di riportare in vita i dinosauri. Nei circa vent’anni successivi colleziono una laurea in Editoria e Comunicazione Multimediale, una lunga militanza in Amnesty International e un master in giornalismo alla IFG/Walter Tobagi. Ora spero di poter coronare il mio sogno di sempre. Ai dinosauri penserò la prossima volta.
Questa voce è stata pubblicata in Anche i Joystick nel loro piccolo s'incazzano, Buttiamola in politica, Gioco quindi penso, Uncategorized e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...