Sims: il gioco che potrebbe far diventare gay i vostri bambini

“Se Pacman avesse influenzato la nostra generazione staremmo tutti saltando in sale scure, masticando pillole magiche ed ascoltando musica elettronica e ripetitiva”, disse una volta Kristian Wilson, amministratore delegato della Nintendo.

Forse Carlo Giovanardi, sottosegretario del Consiglio con delega alla Famiglia, e Carlo Casini, capogruppo dell’Udc a Strasburgo – entrambi non particolarmente celebri per il senso dell’umorismo – non hanno afferrato l’ironia. Informato in diretta – e con un ritardo di circa dieci anni – dell’esistenza dei Sims da Klaus Davi, Casini si è mostrato indignato. “È inaccettabile che un videogioco che entra nelle case di milioni di italiani permetta ad un bambino di 6-7-8 anni di creare una coppia gay che puo’ anche adottare bambini”, ha sentenziato. “Questi videogiochi sono molto pericolosi, la loro diffusione ha risvolti di carattere igienico-sanitario”. Giuro, l’ha detto.

Un matrimonio lesbico in The Sims (foto: cnjianqing.com)

Quali siano i problemi igienici siano connessi all’omosessualità – si metteranno statisticamente più spesso le dita nel naso? – non è dato sapere. Sta di fatto che la tesi dell’onorevole, che arriva a paragonare i Sims alla pornografia, è chiara: è un videogioco che minaccia il sereno sviluppo dei pargoli e contribuisce a “fissare” (cit.) le tendenze omosessuali.

A Giovanardi, che si è da poco scagliato contro l’innocentissima pubblicità dell’Ikea, non è sembrato vero:“Auspico che i produttori di questo videogioco spieghino che da noi non esiste questa possibilita. Che il matrimonio uomo-uomo e donna-donna da noi e’ fuori legge”.

Vorrei esprimermi sulla concezione che i  signori in questione hanno dell’omosessualità come di una sorta di “malattia contagiosa” ma sono educata. In ogni caso, se i due si fossero presi la briga di andare a vedere di cosa stavano parlando, si sarebbero accorti che i Sims – come altri giochi tra cui Singles: FlirtUp Your Life e Fable – non impongono assolutamente l’uso di personaggi omosessuali. Ognuno può crearsi la famiglia che preferisce, facendo sposare al suo personaggio chi gli aggrada. La possibilità di creare coppie gay o personaggi travestiti è una delle tante possibilità, nascoste nelle pieghe del gioco, forse per non urtara gli utenti più sensibili come Casini e Giovanardi.

I Sims non ostentano. Rispecchiano semplicemente la realtà, in tutte le sue sfaccettatture. Sono un videogioco moderno, al passo con i tempi. La speranza è che prima o poi lo diventi anche questo Paese.

—-

Ps: si ringrazia Silvia, utente di Giornaliettismo, per avermi ricordati la magnifica citazione di Wilson.
Qui sotto il link all’ intervista a Giovanardi:

Informazioni su rossarossana

Milano, 1988. Ho cinque anni. Quando me lo chiedono, rispondo che da grande farò la giornalista. Il piano B è quello di riportare in vita i dinosauri. Nei circa vent’anni successivi colleziono una laurea in Editoria e Comunicazione Multimediale, una lunga militanza in Amnesty International e un master in giornalismo alla IFG/Walter Tobagi. Ora spero di poter coronare il mio sogno di sempre. Ai dinosauri penserò la prossima volta.
Questa voce è stata pubblicata in A proposito di censura..., Anche i Joystick nel loro piccolo s'incazzano, Buttiamola in politica, Donne-neri-gay-immigrati-alieni: insomma quelli lì. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Sims: il gioco che potrebbe far diventare gay i vostri bambini

  1. Saronia Empire ha detto:

    Sempre all’avanguardia noi, eh?

    Da quanto tempo è uscito The Sims 2? 4, 5 anni?

    Mi piace

  2. Pingback: Speciale elezioni: Grand Theft Auto Milano | Joystick Ribelli

  3. Pingback: Supergay: lottando contro i cattivi. In tutina rosa shocking | Joystick Ribelli

  4. Pingback: Sims: il gioco che potrebbe far diventare gay i vostri bambini - Articolo | Parliamo di Videogiochi

  5. Pingback: Presidenziali USA: se alle elezioni si candida un’orchessa | Joystick Ribelli

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...