“Civ D”, il videogioco che insegna a liberarsi dai tiranni

L’abbigliamento da indossare durante un corteo. Le tecniche per convincere le forze dell’ordine a non attaccare i manifestanti e magari passare dalla loro parte. Il servizio d’ordine, il tipo di slogan da urlare per non passare dalla parte del torto. Insomma, l’abc della resistenza nonviolenta.

Se videogiochi come “America’s Army sono utilizzati per avvicinare i ragazzi alle forze armate e convincerli ad arruolarli, perché non presentare loro anche un’alternativa, usando il mezzo più vicino a loro? E’ l’idea di Jane McGonigal, dell’Institute for the Future di Palo Alto, in California, che sta progettando “Civ D”, un videogioco sulla disobbedienza civile. E cerca la collaborazione di una casa di produzione che la aiuti a realizzarlo. Un esperimento non del tutto nuovo.

Jane McGonigal presenta il progetto "Civ D" (foto: Venture Beat.com)

E’ già in vendita da diversi anni People’s Power, creato dal Centro Internazionale del Conflitti Nonviolenti in collaborazione con numerosi scienziati politici, sociologi, economisti ed esperti di disobbedienza civile. E’ un “simulatore di movimento popolare” che ripropone scenari del passato e sfida a rovesciare tiranni, potenze straniere, regimi corrotti. Ogni decisione ha delle conseguenze: una manifestazione può indurre il governo ad arrestare i leader del movimento, un boicottaggio è più sicuro, ma meno incisivo.

Peoples Power: ecco qui la tua cellula clandestina (foto: peoplepowergame.com)

A scanso di equivoci, i creatori hanno inserito un disclaimer che spiega come l’obiettivo è solo quello di diffondere e insegnare i principi della nonviolenza e che non necessariamente le tattiche usate nel gioco funzioneranno altrettanto bene nel modo reale. Purtroppo.

Anche se, è da dire, tra gli strumenti non venivano ancora presi in considerazione Facebook e Twitter. Chissà se “Civ D”, che dice di ispirarsi alla crisi in Maghreb, rimedierà alla svista.

Informazioni su rossarossana

Milano, 1988. Ho cinque anni. Quando me lo chiedono, rispondo che da grande farò la giornalista. Il piano B è quello di riportare in vita i dinosauri. Nei circa vent’anni successivi colleziono una laurea in Editoria e Comunicazione Multimediale, una lunga militanza in Amnesty International e un master in giornalismo alla IFG/Walter Tobagi. Ora spero di poter coronare il mio sogno di sempre. Ai dinosauri penserò la prossima volta.
Questa voce è stata pubblicata in Gioco quindi penso, Joystick di buona volontà e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Civ D”, il videogioco che insegna a liberarsi dai tiranni

  1. Pingback: Indignati: il corteo perfetto lo insegna un videogame | Joystick Ribelli

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...