I segni della fine della fine del mondo (cap. 1): il confessore elettronico

Non è un videogioco ma quasi. E come ogni tanto accade, anche stavolta farò uno strappo e ne parlerò su “Joystick Ribelli”. L’applicazione per iPhone “Confession: A Roman Catholic App’”, della LittleiApps, si è rivelata una tentazione troppo forte per resistere.

Così ho deciso di cedere (poi la utilizzerò per pulirmi la coscienza). Ma andiamo con ordine. “Confession” è proprio ciò che il nome suggerisce: uno strumento per confessarsi tramite il proprio telefonino. Descritta dai suoi ideatori come “l’aiuto perfetto per ogni penitente”, fornisce linee guida e consigli per aiutare i fedeli ad affrontare. All’abbordabile cifra di 1.99 dollari.

Confession. Unapplicazione davvero cattolica.

In pratica è una versione religiosa dei promemoria per la spesa: una lunga lista di peccati e mancanze da cui spuntare quelli di cui ci si è resi colpevoli. L’elenco può essere personalizzato inserendo età, sesso e stato civile del peccatore. Alla fine dell’esame di coscienza, si può scegliere di pentirsi recitando una tra le sette preghiere proposte.

A scanso d polemiche, viene specificato che l’applicazione non sostituisce il sacramento tradizionale: il confessore umano rimane indispensabile. Ma non è bastato.

La lista dei peccati da selezionare

Padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa della Santa Sede, ha dovuto smentire le voci – che iniziavano a circolare – che lo strumento fosse stato approvato dal Vaticano. “Il Sacramento non può essere sostituito da nessuna applicazione informatica”, ha precisato.

Meglio non dare nulla per scontato.

Advertisements

Informazioni su rossarossana

Milano, 1988. Ho cinque anni. Quando me lo chiedono, rispondo che da grande farò la giornalista. Il piano B è quello di riportare in vita i dinosauri. Nei circa vent’anni successivi colleziono una laurea in Editoria e Comunicazione Multimediale, una lunga militanza in Amnesty International e un master in giornalismo alla IFG/Walter Tobagi. Ora spero di poter coronare il mio sogno di sempre. Ai dinosauri penserò la prossima volta.
Questa voce è stata pubblicata in I segni della fine del mondo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a I segni della fine della fine del mondo (cap. 1): il confessore elettronico

  1. Daniele Rurale ha detto:

    Sembra proprio che i neuroni stiano diventando una specie in via d’estinzione 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...