La Cina, la Microsoft e i forzati della Xbox

Privilegiare le assunzioni di giovani donne tra i 18 e i 25 anni. Non per garantire alle loro famiglie uno stipendio sicuro, ma perchè “sono più facili da disciplinare e controllare”.

Dopo le “farms” , sono le fabbriche di componenti per console a finire sotto accusa. Il National Labor Committee (NLC), un gruppo di avvocati statunitensi che si occupano dei diritti dei lavoratori ha pubblicato una lunga relazione sul comportamento della KYE Factory di  Dongguan (Guangdong). LA KYE è una delle aziende cinesi che producono per la Microsoft controller della Xbox 360 e parti di computer. Secondo il rapporto, i proprietari  sfruttano i lavoratori locali pagandoli una media di 65 centesimi all’ora (che scendono a 52 dopo la detrazione per il pasto). L’orario medio settimanale è di 68 ore.

Giovane lavoratrice della

Giovane lavoratrice della Kye (NLC)

Tanto per rendersi più simpatici, i proprietari vietano di “parlare, ascoltare musica o utilizzare i servizi igienici” durante l’orario di lavoro. E non disdegnano di assumere studenti di 16-17 anni. I dipendenti lavorano in locali sovraffolati e molto caldi (l’aria condizionata c’è, ma viene accesa solo quando arrivano i clienti) e dormono in stanze comuni che ospitano fino a 14 persone. Ma i turti sono così massacranti che i ragazzi spesso si addormentano, durante la pausa pranzo, direttamente sulla catena di montaggio. Chi fa un errore viene incaricato, per punizione, della pulizia dei bagni.

“Stiamo conducendo un’indagine interna”, ha detto Brian Tobey a campo della sezione “Entertainment and Devices” della Microsoft. “Se sarà confermato che l’azienda non aderisce ai nostri standard, agiremo di conseguenza”.

Advertisements

Informazioni su rossarossana

Milano, 1988. Ho cinque anni. Quando me lo chiedono, rispondo che da grande farò la giornalista. Il piano B è quello di riportare in vita i dinosauri. Nei circa vent’anni successivi colleziono una laurea in Editoria e Comunicazione Multimediale, una lunga militanza in Amnesty International e un master in giornalismo alla IFG/Walter Tobagi. Ora spero di poter coronare il mio sogno di sempre. Ai dinosauri penserò la prossima volta.
Questa voce è stata pubblicata in Anche i Joystick nel loro piccolo s'incazzano, Ultime news dallo schermo e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...