Gaymer: i videogiochi e l’omosessualità

Hanno creato gruppi a loro dedicati, tra i quali spiccano una gilda in Wow, Noesis, e una in Final Fantasy XI, Triangle. Sono i Gaymer, ovvero i videogiocatori GLBT (gay, lesbiche, bisessuali e transgender). Hanno anche un forum, nel quale discutono di videogiochi e omosessualità.

Il problema più evidente non è la discriminazione – è raro che i titoli in commercio infrangano la barriera del politically correct – quanto la sottorappresentazione. A parte Trans, videogioco giapponese il cui titolo dice già tutto sulle inclinazioni dei protagonisti, sono rarissimi i giochi con protagonisti non etero.

Bizzarramente, è il tanto chiacchierato e machissimo Grand Theft Auto a presentarci uno dei primi personaggi dichiaratamente gay. E’ però un comprimario: un proprietario di una discoteca che va difeso da un gruppo criminale deciso a fargli la pelle.

Una coppia di innamorati in Sims 3

Una coppia di innamorati in Sims 3

In alcuni giochi più progressisti, come in The Sims, Singles: FlirtUp Your Life o Fable, c’è la possibilità di giocare “in modo omosessuale”, creando coppie gay o facendo travestire il proprio personaggio. Ma quasi mai questa opzione è indicata nero su bianco nel libretto delle istruzioni. Anzi, forse per non urtare gli utenti più conservatori, viene accuratamente nascosta tra le pieghe delle regole di gioco.

In The Sims è possibile far convivere senza problemi il proprio personaggio con un altro dello stesso sesso, ma il computer non genera mai spontaneamente personaggi omosessuali. In Dragon Age Origins, invece, è possibile tentare di sedurre gli altri guerrieri. E spesso ci si riesce. Fate l’amore, non la guerra.

Advertisements

Informazioni su rossarossana

Milano, 1988. Ho cinque anni. Quando me lo chiedono, rispondo che da grande farò la giornalista. Il piano B è quello di riportare in vita i dinosauri. Nei circa vent’anni successivi colleziono una laurea in Editoria e Comunicazione Multimediale, una lunga militanza in Amnesty International e un master in giornalismo alla IFG/Walter Tobagi. Ora spero di poter coronare il mio sogno di sempre. Ai dinosauri penserò la prossima volta.
Questa voce è stata pubblicata in Donne-neri-gay-immigrati-alieni: insomma quelli lì e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Gaymer: i videogiochi e l’omosessualità

  1. Pingback: Sims: il gioco che potrebbe far diventare gay i vostri bambini | Joystick Ribelli

  2. Pingback: Supergay: lottando contro i cattivi. In tutina rosa shocking | Joystick Ribelli

  3. Pingback: Sims: il gioco che potrebbe far diventare gay i vostri bambini - Articolo | Parliamo di Videogiochi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...