Gaymer: i videogiochi e l’omosessualità

Hanno creato gruppi a loro dedicati, tra i quali spiccano una gilda in Wow, Noesis, e una in Final Fantasy XI, Triangle. Sono i Gaymer, ovvero i videogiocatori GLBT (gay, lesbiche, bisessuali e transgender). Hanno anche un forum, nel quale discutono di videogiochi e omosessualità.

Il problema più evidente non è la discriminazione – è raro che i titoli in commercio infrangano la barriera del politically correct – quanto la sottorappresentazione. A parte Trans, videogioco giapponese il cui titolo dice già tutto sulle inclinazioni dei protagonisti, sono rarissimi i giochi con protagonisti non etero.

Bizzarramente, è il tanto chiacchierato e machissimo Grand Theft Auto a presentarci uno dei primi personaggi dichiaratamente gay. E’ però un comprimario: un proprietario di una discoteca che va difeso da un gruppo criminale deciso a fargli la pelle.

Una coppia di innamorati in Sims 3

Una coppia di innamorati in Sims 3

In alcuni giochi più progressisti, come in The Sims, Singles: FlirtUp Your Life o Fable, c’è la possibilità di giocare “in modo omosessuale”, creando coppie gay o facendo travestire il proprio personaggio. Ma quasi mai questa opzione è indicata nero su bianco nel libretto delle istruzioni. Anzi, forse per non urtare gli utenti più conservatori, viene accuratamente nascosta tra le pieghe delle regole di gioco.

In The Sims è possibile far convivere senza problemi il proprio personaggio con un altro dello stesso sesso, ma il computer non genera mai spontaneamente personaggi omosessuali. In Dragon Age Origins, invece, è possibile tentare di sedurre gli altri guerrieri. E spesso ci si riesce. Fate l’amore, non la guerra.

Informazioni su rossarossana

Milano, 1988. Ho cinque anni. Quando me lo chiedono, rispondo che da grande farò la giornalista. Il piano B è quello di riportare in vita i dinosauri. Nei circa vent’anni successivi colleziono una laurea in Editoria e Comunicazione Multimediale, una lunga militanza in Amnesty International e un master in giornalismo alla IFG/Walter Tobagi. Ora spero di poter coronare il mio sogno di sempre. Ai dinosauri penserò la prossima volta.
Questa voce è stata pubblicata in Donne-neri-gay-immigrati-alieni: insomma quelli lì e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Gaymer: i videogiochi e l’omosessualità

  1. Pingback: Sims: il gioco che potrebbe far diventare gay i vostri bambini | Joystick Ribelli

  2. Pingback: Supergay: lottando contro i cattivi. In tutina rosa shocking | Joystick Ribelli

  3. Pingback: Sims: il gioco che potrebbe far diventare gay i vostri bambini - Articolo | Parliamo di Videogiochi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...