Italia, 2009: missione “Scandali a catena”

Geo-Political Simulator (G.P.S. per gli amici) è una simpatica simulazione che vi consente di calarvi nei panni del presidente di uno Stato a vostra scelta. O del primo ministro. O del re, a seconda di quel che passa il convento.

Il gioco, molto complesso, riproduce le condizioni del mondo allo stato attuale. Per ognuna delle 170 nazioni che è possibile scegliere le variabili prese in considerazione comprendono le condizioni metereologiche e geofisiche, l’elenco di tutti i principali partiti, la presenza di gruppi terroristici, il tasso di criminalità e la situazione delle carceri, le principali religioni e sette, le armi a disposizione, i trattati internazionali stipulati, il ruolo dei servizi segreti e l’influenza dei maggiori eventi culturali e sportivi, campionato di calcio in testa.

Uno screenshot di GPS

Seduti sulla vostra poltrona in pelle umana virtuale potrete decidere di economia, questioni sociali, guerre, ambiente ricordandovi solo di farle approvare dal parlamento nel caso in cui vi troviate in un regime democratico. Fronteggerete siccità, eruzioni, rivolte popolari, buchi di bilancio, tsunami, carenza di petrolio e catastrofi nucleari.

Nei buchi di tempo, potrete incontrare una delle 300 personalità inserite per ciascuna nazione, compresi i vostri amici intimi, i ministri, le autorità morali, i VIP, e i leader religiosi, sportivi e sindacali.

La versione Italiana del 2009, uscita da poco, contiene 12 nuovi scenari creati appositamente per il nostro Paese, tra cui  “Un nuovo Presidente del Consiglio”, “2009, la grande recessione” e “Scandali a catena”. Aggiornatissimi.

Annunci

Informazioni su rossarossana

Milano, 1988. Ho cinque anni. Quando me lo chiedono, rispondo che da grande farò la giornalista. Il piano B è quello di riportare in vita i dinosauri. Nei circa vent’anni successivi colleziono una laurea in Editoria e Comunicazione Multimediale, una lunga militanza in Amnesty International e un master in giornalismo alla IFG/Walter Tobagi. Ora spero di poter coronare il mio sogno di sempre. Ai dinosauri penserò la prossima volta.
Questa voce è stata pubblicata in Buttiamola in politica e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...